Smagliature

Le “striae distensae”, volgarmente chiamate smagliature, rappresentano delle lacerazioni del derma (la parte più profonda, strutturale, della pelle) conseguenti a significative distensioni e stiramenti della pelle. Una delle principali cause di questo frequentissimo inestetismo è la scarsa elasticità cutanea, associata a fattori genetici ed ormonali, che si manifesta tipicamente in corso di gravidanza, allattamento, rapido dimagrimento o aumento di peso, terapie farmacologiche prolungate a base di cortisonici. Le sedi più spesso interessate sono le mammelle, l’addome e i fianchi, i glutei e le cosce. Mentre le smagliature di più recente comparsa appaiono arrossate, quelle più datate hanno un coloritobianco perlaceo.

 

Il ruolo dei laser

Diversi studi scientifici hanno dimostrato che un valido aiuto nella terapia delle smagliature è rappresentato dal trattamento con combinazione di laser. Tali laser determinano tre fenomeni contemporanei. Il primo è rappresentato dalla retrazione delle fibre collagene, che costituiscono “l’impalcatura” strutturale ed elastica della nostra pelle, inducendo il riavvicinamento dei margini della smagliatura rendendola meno evidente. Il secondo consiste nella stimolazione alla produzione di nuove fibre collagene ed elastiche da parte di cellule specializzate chiamate “fibroblasti” inducendo la ristrutturazione cutanea del derma danneggiato. Il terzo fenomeno è caratterizzato dalla stimolazione del tessuto al fine di correggere la variazione di pigmentazione.

 

Modalità di trattamento

Il trattamento consiste di 4-5 sedute successive distanziate di 30-40 giorni. In occasione di ciascuna seduta la cute viene detersa, disinfettata e talora pre-trattata con crema anestetica o ghiaccio. L’energia laser viene quindi erogata direttamente su ciascuna smagliatura. Residuano un moderato fastidio e/o un lieve bruciore per circa 24 ore ed arrossamento per una decina di giorni.

 

Risultati e durata

Il ciclo di trattamento consente di rendere progressivamente meno evidenti le smagliature fino all’eventuale scomparsa. Pur considerando una certa variabilità individuale, i risultati, di lunga durata, sono generalmente ottimi.

 

Metodi alternativi e complementari

La combinazione di acido ialuronico e il PRP (plasma ricco di piastrine), che fa parte delle tecniche di medicina biorigenerativa, rappresentano metodiche alternative o complementari al laser per il trattamento delle smagliature. Ogni soggetto è caratterizzato da una diversa tipologia di smagliatura, per questo motivo è necessaria una visita preventiva al fine di instaurare la combinazione di trattamenti più efficace.

Per prenotare un appuntamento:

Potrebbe interessati

Il botox è un trattamento che, meditante piccole inizioni in punti specifici del viso, permette di avere un aspetto più disteso, rilassato e fresco. I risultati migliori si ottengono nel distretto superiore del viso trattando la fronte e le rughe intorno agli occhi (“zampe di gallina”).
Una procedura non chirurgica che ha l’obiettivo di migliorare la forma del naso, iniettando nel sottocute sostanze riempitive riassorbibili a base di acido ialuronico.
È un trattamento molto efficace e richiesto per eliminare gli inestetismi della cellulite. La Mesoterapia consiste nella rimozione del ristagno di liquidi sia cutanei che sottocutanei, quindi della ritenzione idrica. L’obiettivo principale è quello di disintossicare il corpo dalle scorie in esubero, tonificare la pelle ed eliminare i liquidi in eccesso.